Rete Laica Bologna

Beppino Englaro racconta Eluana in un libro | J ottobre 2009

A otto mesi dalla morte di Eluana Englaro, il padre Beppino racconta il suo lungo calvario in un libro La vita senza limiti (Rizzoli), in vendita dal 14 ottobre, scritto con la giornalista Rai Adriana Pannitteri. E’ un racconto intimo in cui Englaro non si sofferma solo sulla battaglia legale portata avanti contro tutto e tutti per poter dare una morte dignitosa alla figlia in stato vegetativo per 17 anni, ma anche sui suoi sentimenti, sull’ultimo addio a Eluana, in solitudine, alla clinica “La Quiete” di Udine, mentre fuori si scatenavano le manifestazioni pro e contro lo stop all’alimentazione della giovane.

Lui, il padre che non ha mai avuto un momento di incertezza né di debolezza, che con la sua determinazione ha stupito tutta l’Italia, suscitando la commozione di alcuni e lo sdegno di altri, spiega oggi dove abbia trovato la forza per andare avanti: “Il rispetto, per Eluana e Saturna (la moglie, ndr), è più forte del dolore che mi porto dentro”. E’ una freddezza solo apparente quella di Beppino Englaro, che con la sua fermezza per molti mesi ha diviso il paese sollevando un dibattito senza precedenti su biotestamento e eutanasia.

“Per darle l’ultimo saluto volevo essere solo – racconta Beppino nel libro – e in fondo lo ero perché mia moglie non era più in grado di comprendere che cosa stava accadendo… Guardavo inebetito mia figlia, sola, al centro di una stanza troppo grande… e pensavo: se solo voi sapeste cosa significa dover attendere la morte e desiderarla come il minore dei mali, non avreste inflitto a Eluana lo strazio di tutti quei giorni in un letto, in balia degli altri”.

Straziante il racconto del giorno prima del funerale della figlia in cui finalmente Beppino riesce ad abbandonarsi in un pianto liberatorio, dopo anni passati a rigettare indietro le lacrime e a negarsi anche questa dolorosa consolazione per non perdere la lucidità necessaria per portare avanti la sua battaglia: “Nel silenzio, ad un tratto ho riconosciuto la mia voce: “Addio stellina mia, ora riposa in pace”. Ho pianto, i singhiozzi erano talmente forti che mi squassavano lo stomaco”.

Al racconto intimo si alterna la cronaca di quei giorni tra tensioni istituzionali, pressioni ma anche insulti e minacce fino alla morte di Eluana lo scorso 9 febbraio alle 19.35 per gli effetti della disidratazione e una grave debolezza ai polmoni. I ricavi del libro andranno all’associazione Per Eluana. | Fonte CronacaCity

Annunci

Lascia un commento »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

About author

La Rete Laica di Bologna è un tavolo informale d'incontro, di discussione, di proposta e di mobilitazione per difendere ed estendere la laicità delle istituzioni bolognesi e italiane. Vi partecipano associazioni e singoli/e.

Cerca

Navigazione

Categorie:

Links:

Archives:

Feeds

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: