Rete Laica Bologna

Simboli religiosi nei luoghi pubblici? | J aprile 2010

SIMBOLI RELIGIOSI NEI LUOGHI PUBBLICI?
Conferenza/dibattito

Giovedì 22 Aprile 2010, ore 20,30

[Invita i tuoi amici e le tue amiche
all’evento su Facebook
]

Presso la Sinagoga della Comunita ebraica
Via Gombruti, 9
Bologna [vedi mappa]

Saluto di

Guido Ottolenghi
presidente della Comunità ebraica di Bologna

Interventi di

Alberto Sermoneta
rabbino capo Comunità ebraica di Bologna

Don Stefano Ottani
biblista

Sergio Ribet
pastore valdese

Roberto Grendene
Rete Laica Bologna

***

Incontro promosso e organizzato da

Comunità ebraica di Bologna
Chiesa evangelica metodista di Bologna e Modena

[Scarica il volantino]

Annunci

2 commenti »

  1. […] Rete Laica Bologna Categories: Uncategorized Commenti (0) Trackback (0) Lascia un commento Trackback […]

    Pingback di Conferenza dibattito: SIMBOLI RELIGIOSI NEI LUOGHI PUBBLICI? « Rete Laica di Castel Maggiore — J aprile 2010 @ 8:20 pm

  2. Nun sò n’idolatra.

    L’artisti rinascimentali, so stati er mio modello,
    Michelangelo Buonarroti, Caravaggio, cò Raffaello.
    E dei loro capolavori n’ho fatto un gran tesoro,
    perché sognavo sempre d’arivà ‘npò sotto a loro.

    Doppo tant’anni, ho detto, d’esseje vicino arivato,
    e cò un bozzetto in mano, sò corso dar curato.
    -Don Giovanni, la parocchia mia, vojo affrescà
    Da qui proprio nun esco, diteme, che ciò fa fa?

    -Nun m’hai da fa paesaggi, montagne, fiumi e coste,
    qui, bìgna tirà fora ‘na cosa sacra, ‘na Pentecoste-.
    A lato de stì fatti, li nostri Papi, sò cose che se sà,
    dicheno, a tutti noi cristiani:- dovemio addialogà.

    C’avessimo da mette, insieme, coll’artre religioni,
    saressimo, felici veramente, e, tutti quanti bboni-.
    Tante delle religgioni, nun hanno risposto gnente.
    Ar pari der detto che recita:- chi tace acconsente-.

    Ma, er seme de Caino, che a Pilato ha fatto fesso,
    è da anni, che vò er cristiano, completamente lesso,
    in quell’occasione che fece? se n’escì cò na bbuscìa.
    Così j’andiede contro ar cattolico: E’ reo d’idolatria-.

    Pè via che nelle chiese, Cristi, Madonne e Ssanti,
    Coreno felici e cò devozione, a pregalli tutti quanti.
    Puro quarche mussurmano, de stà cosa, mò se lagna
    L’ebreo ha appicciato er foco? E lui …ce mette legna.

    Perché secondo lui, li cattolici der monno occidentale,
    anche si nun l’ha detto, sò ‘a radice, d’ogni ssia male.
    Esposto lui nun vole, in tutti li paesi in cui se pò infilà,
    in uffici, ospedali e scole, er simbolo de la cristianità.

    Alli paesi ndò comanneno loro, poca sorte te resta
    cò le cose sacre nun ce pòi scherzà, te spiccheno la testa
    Le nostre immagini sacre, ‘ndò stanno nessuno le pò toje
    Mentre le chiese nove, sarvognuno, so proprio spoje.

    Questi so li fatti, nudi e crudi, er parere mio nun conta
    Ma cò st’idolatria cianno messo addosso un’onta.
    Allora pur’io, sò reo d’idolatria, pur’io sò peccatore,
    Mò coll’immaggini sacre, nun posso più fa ‘r pittore.

    La notte nun ce dormo, da che ho smesso de dipinge
    Però lo sà solo Iddio, er core come me piange
    ‘Na notte, ve l’ho da dì, le trombe m’hanno svejato,
    stavo steso ner letto dalla testa ai piedi inzuppato.

    Mì moje, accanto a mè, dormiva, poverella,
    de certo, nun la potevo svejà, stava serena e bella.
    Ner buio, n’omo m’appare, tutto bianco abbardato,
    m’ammolla na toga e dice, d’esse Ponzio Pilato.

    Me fò coraggio e addimanno: e mò ce sei venuto?
    Bè, sò ortre dumilanni ch’ er tempo tuo è passato.
    E nun capisco perché, me sei venuto a tròva,
    pè mme la cosa puzza, qui sotto gatta ce cova.

    Prenni stà toga e vestite, te dico senza offesa,
    me manna Colui che sà, che tutto vede e ppesa.
    Oddio, c’ho combinato, me chiedo da me stesso,
    è Lui che t’ha mannato? de certo mò sò lesso.

    Stà carmo fijo mio, e nun te mette a lutto
    Conosco le pene tue, mò arisorveremio tutto.
    Ma prima de incomincià, te so venuto a pìa,
    nun posso dì certe cose, davanti a la tù famija.

    Vieni cò me, te porto, ne la sala Consigliare.
    Lì tutto te ricconto, pòi, vedi che c’hai da fare.
    Arivamio senza accorgecene sopra er Campidojo
    nella sala consigliare Pilato s’assise con orgojo.

    Incomincio a raccontà:- qui stamio a casa mia,
    Parto…, dalli tempi mia e pòi arivo pè n’antra via.
    E’ risaputo, in Palestina, ce stavo proprio male.
    Che vòi, ce so dovuto annà, era n’ordine imperiale,

    pè governà la tera, l’acque, li popoli e le greggi
    e a tutti avevo da impone, de Roma, le sue Leggi.
    Ero, sì temuto e stimato, ma poi, co quer processo,
    me sò lavato le mani, e l’ebrei m’hanno fatto fesso.

    Davanti a mè c’era Gesù, chiamato er Nazzareno
    Lo sguardo me pareva dorce, lo dico a cor sereno.
    Lì, quelli der Sinedrio, che sò ggente de chiesa,
    cose da nun crede, cò Lui, se la sò tutti presa.

    Quer che dicheno, penzai, n’é vero proprio gnente,
    st’omo è giusto, libero lo manno e pur’innocente.
    Avevi da vede, fijo, l’Ebbrei se sò messi a ròde
    E mò ce penzo io; è Galileo? Annate dal Re Erode.

    Dico, comanno e posso: ha da esse, er Re d’ii giudei,
    che deve giudicà chi so l’omini giusti o quelli ‘nvece rei.
    Re Erode, tutto j’addimannò, cell’aveva davanti.
    Gesù, arimase peperò zitto, nun ce so stati santi.

    Così, lo rinviò ar mio pretorio, com’era, tale e quale,
    e fra me e me ho detto, ma tutto questo a chi cale?
    Sì libero lo lascio, aqqui succede er finimonno,
    e và a fenì che Cesare, sicuro, ordina che ritorno.

    Qui me tocca apparà, e sarvamme co la diplomazia.
    Ciò da tirà fora quello che m’ha incurcato Roma mia.
    Giudìo, è vero che li templi te piace abbuttalli giù?
    E che doppo tre giorni soli, te diverti a riarzalli sù?

    Pòi, qui dicheno, che er re sei de tutti li giudii
    Eee…, nun c’hai da provà a dì, che fatti so delli tui!
    Sò poi, che a dì in giro vai , che sei er loro Dio,
    nun ce devi stà male, ma nun ce credo nimmanco io.

    che fai? Me dichi che è de sì?, qui davanti er tribunale?
    Mò, nun ce sò controcavoli, tè sei messo proprio male.
    Dunque intenni bene, quer che dico, o popolo d’Israele
    stò qui e su stò fatto, nun me ce fate magnà er fiele.

    Dunque, Gesù, di fronte a tutti, Dio sé dichiarato
    Allora ordino, prendete er Galileo, che sia flagellato.
    Belli li mii Giudii, la sentenza è oramai eseguita,
    la storia s’è conclusa, sète contenti? Mò famola fenita.

    Semio tutti giudìi, ce dichiaramio rei e te lo dìmo forte
    Sì volemio che er Nazzareno, venga mò, messo a morte.
    Pè mette ordine, da Roma, aqquì m’hanno mannato.
    A tutti ve vojo dì, io sò la legge, so er console Pilato.

    Arza la testa popol bruto, me devi ascortà bbene,
    sto qui pè dà la grazia oppuro à infligge pene.
    Io, rappresento Roma, voi dite:- Gesù ha bestemmiato!
    La corpa è troppo grossa e ha da morì ammazzato!

    Gni anno, pè volontà de Roma, se po’ fa na graziata
    così mannamo libbera, una, ‘na sola gente, condannata.
    Io ve chiedo Gesù o er Barabba, volete messi a Morte?
    Gesù, Gesù er Nazzareno. E te Lo strillamio forte.

    Giove, padre de tutti li dei, ve la sète presa forte,
    volete, costi quer che costi, daje proprio la morte?
    allora quello che dico, che nun ve sembri strano.
    Bene, io Ponzio Pilato, Console e sò romano.

    Cor sangue de stò giusto, nun me ce devo sporcà,
    anzi, ammè ‘na catinella, le mani , m’ho da lavà.
    Senza pollice in giù, ordino, perché io sò la legge,
    in tutta fretta, pijate stò Giudeo, pè fallo crocifigge.

    Pè questo, Console Romano, noi nun te famo torto,
    è vero sèmio noi, noi soli, che lo volemio morto.
    Capito, fijo mio in che guaio m’hanno cacciato?
    Co stà faccenda anch’io, so stato abbusciardato.

    A quelli tempi, der fatto nun m’ha incorpato nissuno
    Credime, da che monno è monno, nemmanco uno.
    È, che sò più de duemila anni, qui confinato a Roma
    e che te devo dì , aòh penzo che mè annata bbona.

    Nun so, pè quella sentenza quello che ciò da fà
    a dittelo pè intero, nun sò mai, ito su a domannà.
    Pè questo so venuto, stài a fa ‘n mezzo paparacchio,
    penzàmioce ‘n pò sopra e sgancete da st’inguacchio.

    Si nun me sbajo, c’hai avuto qualche premiazione
    e ner settantacinque, hai avuto anche nà Benedizione.
    Er Principe dell’Apostoli, te l’ha data cò tutt’er core,
    ner Giubileo. Perchè credi ancora d’esse, peccatore?

    Vai, sei l’agnello sacrificale pè tutte quelle jene
    Sopporta in nome de Cristo, ingiurie, botte e pene
    Vai, fijo de Roma, a casa, tranquillo devi tornà
    Mettete a fa Madonne, a sti fatti più nun penzà.

    All’ebrei e alli mussurmani, lasceli pure ròde
    E stà a sentì a mme, si soffreno, nun c’hai da gòde.
    A console, che dichi fino a mò ‘ndò sei stato?
    sapessi tu quanti ebrei c’hanno massacrato.

    Ner quarantacinque, a Roma ce fu ‘na gran retata
    in quer fermento, la pòra mamma mia fu puro rastrellata.
    li nazisti tutti armati, separaveno l’ariani dall’ebrei
    je daveno botte carci e manganellate, e quelli n’ ereno rei

    Ma quanno lei sputò, ar capo de li nazisti che i carci stava a dà
    a un poro vecchiarello che, da tera, nun se poteva arzà,
    presero la mi mammetta e sulla piazza la corcorno de botte
    fu solo grazie a Dio che se ne potè escì, solo co l’ossa rotte.

    Questi so l’insegnamenti che in core m’hanno messo,
    l’amore verso l’antri e posso pure passà pè fesso.
    Bene,da quello che m’hai detto pòi annà co tutti li cristiani.
    Cò gioia, porta colomba e ulivo pe dallo a tutti li pagani.

    Vedrai, er monno intero dirà, allora voi sète boni.
    Sì, potrete davve le mani, portanno a tutti doni
    E abbracciavve tutti felici, nel nome del Signore
    pe vive tutti in pace, scardati da un grande amore

    Giovanni Lo Curto

    Commento di Giovanni Lo Curto — J aprile 2010 @ 12:44 pm


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

About author

La Rete Laica di Bologna è un tavolo informale d'incontro, di discussione, di proposta e di mobilitazione per difendere ed estendere la laicità delle istituzioni bolognesi e italiane. Vi partecipano associazioni e singoli/e.

Cerca

Navigazione

Categorie:

Links:

Archives:

Feeds

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: