Rete Laica Bologna

Registro biotestamenti. Scortati dalla Digos a dar la sveglia alla Commissaria | J settembre 2010

Registro biotestamenti: posticipare non è governareScortati dalle forze dell’ordine e dalla Digos – come si confà a una pericolosissima organizzazione di uomini e di donne denominata in codice “Rete Laica Bologna”, composta da esagitati che predicano con fervore integralista la laicità delle Istituzioni, nazionali e locali – abbiamo presenziato alla Festa dell’Unità, durante il dibattito con la Commissaria Anna Maria Cancellieri.

La Digos è stata quanto mai esplicita: “Quando finisce di parlare il Segretario (Raffaele Donini) potete esporre i vostri cartelli per qualche secondo, poi andarvene”.

Offensive, maleducate e altamente antidemocratiche le scritte in formato A3, silenziosamente esposte dai terroristi della cosiddetta “Rete Laica Bologna”. Si va da un inverosimile “Caffarra ascoltato il primo giorno, 2540 cittadini mai” a un inaudito “Cancellieri in ritardo di 214 giorni, è ora che il registro nasca” al grottesco “25 Gennaio il Consiglio Comunale approva. 20 Settembre Cancellieri che fa?”.

In tutto, la manifestazione di dissenso verso l’attendismo della Commissaria è durata non più di trenta secondi. Da cui ne deriviamo che dopo il “coitus interreptus” di berlusconiana memoria, a Bologna viviamo il tempo della “manifestatio brevis”, che non deve mai essere più lunga di una Giunta Delbono, perché, si sa, dopo pochi secondi la democrazia puzza e il dibattito ha sì da essere pubblico ma non partecipato. I peana alla “servitrice dello Stato” non devono essere disturbati.

Ciò detto, ringraziamo, senza ironia, gli organizzatori della Festa dell’Unità per la cortese concessione e i quotidiani che, con grande benevolenza, nonostante la breverrima apparizione, hanno dedicato qualche rigo al nostro post-it per la Commissaria attendista e procrastinatrice: Repubblica e il Corriere di Bologna. E il TG di Telesanterno.

Un momento della "sveglia" alla Commissaria

Annunci

3 commenti »

  1. […] This post was mentioned on Twitter by Maurizio Cecconi, Pier Francesco Prata. Pier Francesco Prata said: Registro biotestamenti. Scortati dalla Digos a dar la sveglia alla Commissaria: http://t.co/ubvQG8k […]

    Pingback di Tweets that mention Registro biotestamenti. Scortati dalla Digos a dar la sveglia alla Commissaria « Rete Laica Bologna -- Topsy.com — J settembre 2010 @ 1:43 pm

  2. Disponibili online gli articoli di Repubblica e del Corriere di Bologna.

    Commento di Rete Laica Bologna — J settembre 2010 @ 3:54 pm

  3. Se posso dare un consiglio sul testamento biologico, quando si parla in pubblico o ai media (io ho visto il servizio su TeleSanterno, che ringrazio) bisognerebbe sottolineare il fatto che i cittadini non sarebbero obbligati a depositarlo, ma sarebbe solo una libera scelta. A molti, infatti, solo la parola “testamento” fa paura (e in genere, guarda caso, sono i sedicenti “credenti” …)

    Commento di Lorenzo — J settembre 2010 @ 2:50 pm


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

About author

La Rete Laica di Bologna è un tavolo informale d'incontro, di discussione, di proposta e di mobilitazione per difendere ed estendere la laicità delle istituzioni bolognesi e italiane. Vi partecipano associazioni e singoli/e.

Cerca

Navigazione

Categorie:

Links:

Archives:

Feeds

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: