Rete Laica Bologna

Cevenini sui finanziamenti alle scuole private cattoliche e sui simbolici matrimoni gay. Assente profilo laico

J settembre 2010
2 commenti

Comunicato stampa, 07 Settembre 2010
(Scarica e diffondi)

CEVENINI SUI FINANZIAMENTI ALLE SCUOLE
PRIVATE CATTOLICHE E SUI MATRIMONI GAY. CECCONI:
“PESSIMA PARTENZA, PROFILO LAICO ASSENTE”

Maurizio Cecconi, portavoce della Rete Laica Bologna,
in merito alle dichiarazioni odierne di Maurizio Cevenini.

“Sulle unioni gay: “Sposare simbolicamente due persone dello stesso sesso? E’ una provocazione che non farei mai. E’ una forzatura”. Sui finanziamenti alle scuole private cattoliche: “Il Comune ha dato contributi alle scuole private, non li aumenterà e continuerà a darli”. Così Maurizio Cevenini, stamattina intervistato ai microfoni di Città del Capo – Radio Metropolitana”.

“Come Rete Laica Bologna ci teniamo a precisare che non è nostro compito effettuare dichiarazioni di voto a favore di questo o di quel candidato, bensì, per quanto ci sarà possibile, incidere sul programma delle forze politiche che si presenteranno alle elezioni amministrative. In questo senso, reputiamo nostro dovere presentare proposte laiche e commentare e criticare quelle che, a nostro giudizio, laiche non sono”, così Maurizio Cecconi, portavoce, che continua: “Ciò che faremo durante la campagna elettorale già iniziata, sarà di tracciare un programma ideale e il profilo di un candidato sindaco laico e su queste basi misurare la distanza che separa progetti e candidati dall’auspicata laicità”.

“La reiterata difesa dell’importanza della scuola pubblica, ribadita anche oggi da Cevenini, si scontra pesantemente con l’immodificata volontà di proseguire nei finanziamenti comunali alle scuole private cattoliche”.

“Sul programma della Festa Nazionale della Scuola, organizzata a Bologna in questi giorni dal Partito Democratico, possiamo leggere che “mentre loro tagliano, noi pensiamo che occorra investire sulla conoscenza; mentre loro chiudono interi plessi scolastici e pigiano studenti nelle classi come fossero buoi in una stalla, noi vogliamo scuole aperte tutto il giorno e tutto l’anno, perché diventino il cuore pulsante di intere comunità locali; mentre loro chiamano gli insegnanti fannulloni e buttano i precari in mezzo a una strada, noi pensiamo che chi dedica la propria vita ad educare i cittadini di domani, sia un eroe moderno ed abbia diritto a veder riconosciuto di più e meglio il proprio impegno; mentre loro centralizzano le scelte e svuotano le casse scolastiche, noi vogliamo dare più forza all’autonomia scolastica e alla capacità di programmazione delle autonomie locali, più rappresentanza agli organi collegiali democraticamente eletti; mentre loro vogliono una scuola per ricchi, noi pensiamo che la scuola debba essere aperta a tutti e che nessun bambino debba essere lasciato indietro, perchè solo dimezzando il tasso di dispersione scolastica potremo combattere l’esclusione sociale”. Sono parole che ogni cittadino laico e democratico può fare tranquillamente sue, se accompagnate da proposte politiche coerenti alle intenzioni enunciate. Se invece si accompagnano, come avviene, allo sperpero del denaro dell’Amministrazione, incostituzionalemente investito nei contributi pubblici alle scuole private, allora questi intendimenti perdono di credibilità”.

Delle due l’una: o si difende coerentemente l’importanza della scuola pubblica e si mettono in campo proposte programmatiche per superare nel medio periodo, estinguendoli, gli attuali finanziamenti alle scuole private cattoliche, oppure ogni risorsa pubblica sottratta alla scuola di tutti contribuisce a danneggiare la scuola pubblica che si vorrebbe difendere”.

“Sulla possibilità che il Sindaco, in qualità di primo cittadino, possa celebrare uno o più matrimoni simbolici, vorremmo precisare alcuni punti, data anche la partecipazione della Rete Laica Bologna al Comitato “Sì, lo voglio!” per il riconoscimento del diritto al matrimonio civile alle persone omosessuali. Il desiderio di “non infrangere la legge”, come affermato da Cevenini, ci sembra una motivazione inconsistente: celebrare un matrimonio simbolico infatti non è reato. Si tratta piuttosto di offrire un forte segnale alla politica locale e nazionale. Dunque il punto è: lo si vuole dare o non lo si vuole dare questo segnale? Le parole di Cevenini lasciano intendere la sua indisponibilità a gesti e parole che sostengano l’uguaglianza di tutti i cittadini e disegnano l’assenza di un profilo laico”.


Silvia Noè (UDC) alla presidenza della Commissione Pari Opportunità? No, grazie! – Rassegna stampa

J agosto 2010
1 commento

Ieri abbiamo comunicato di aver raggiunto quota 600 sottoscrizioni alla petizione contro l’elezione di Silvia Noè (UDC) alla presidenza della Commissione Pari Opportunità della Regione Emilia-Romagna. La rassegna stampa di sabato 14 agosto 2010.

Quotidiani

Web


Inchiesta sulle regalie di denaro pubblico alla Curia di Bologna

J agosto 2010
Lascia un commento

Il Circolo UAAR di Bologna ha denunciato pubblicamente le regalie alla Curia di Bologna approvate dalla Commissione Bilancio della Camera dei Deputati con la cosiddetta “legge mancia”. Nello specifico, Via Altabella riceverà 30.000 euro per la ristrutturazione della sede della Chiesa Cattolica bolognese e altri 300.000 euro li riceverà l’Istituto Veritatis Splendor, guidato da monsignor Vecchi.

Roberto Grendene, coordinatore della locale UAAR, è stato intervistato in proposito da Città del Capo – Radio Metropolitana.

La Curia di Bologna non ha rilasciato dichiarazioni per spiegare quali deputati e perché hanno proposto quei consistenti finanziamenti pubblici.


Sospensione di don Andrea Agostini tardiva e insufficiente

J giugno 2010
4 commenti

Comunicato stampa, 13 Giugno 2010

SOSPENSIONE DON AGOSTINI.
CECCONI: “TARDIVA E INSUFFICIENTE.
MANCANO LE SCUSE DI CAFFARRA
E I RISARCIMENTI ALLE VITTIME E LA TRASPARENZA”.

Maurizio Cecconi, portavoce della Rete Laica Bologna,
in merito alla sospensione dallo stato clericale
di don Andrea Agostini e alla nota apparsa su Bologna Sette.

Apprendiamo dalla stampa che è stata finalmente disposta la sospensione dallo stato clericale di don Andrea Agostini, condannato in primo grado a 6 anni e 10 mesi per molestie sessuali su bambine. Questo testimonia che le segnalazioni compiute dalle educatrici e dai genitori delle bambine, sono state ritenute, persino dalla Curia, fondate. Alla buon ora e alla faccia della Magna carta sulla scuola dell’infanzia redatta dalla Curia bolognese, per pubblicizzare le “virtù educative” delle scuole cattoliche. Questa esperienza ha insegnato che tra queste virtù non c’è la trasparenza e il senso di responsabilità per la sicurezza delle centinaia di bambini e bambine affidati alle scuole private gestite dalla Chiesa bolognese. Trasparenza e senso di responsabilità che esigerebbero un’azione immediata, risolutiva e non volta a salvaguardare, in primis, la reputazione della Curia. Di questa assenza di trasparenza e di sicurezza le Istituzioni non potranno non tenere conto, al momento di valutare se e come rinnovare i finanziamenti alle scuole private cattoliche“, così Maurizio Cecconi, portavoce della Rete Laica Bologna, che continua: “La sospensione di don Andrea Agostini è dunque tardiva e insufficiente. Il cardinale Caffarra deve delle scuse alle famiglie delle bambine vittime delle molestie sessuali di don Andrea Agostini. Caffarra deve altresì delle spiegazioni alla città tutta: la pedofilia clericale non è un fenomeno saltuario e lo dimostrano le centinaia di casi in tutto il mondo. Come si comporterà la Curia qualora dovesse verificarsi un nuovo simile espisodio?. Purtroppo”, conclude Cecconi, “niente lascia sperare che si comporterà meglio, secondo i criteri di trasparenza e di sicurezza dei bambini, di come si sia comportata finora”.

Pillola RU486. Libere di scegliere – Rassegna stampa 11.06.2010

J giugno 2010
Lascia un commento

Giovedì 10 Giugno la Rete Laica Bologna ha tenuto una conferenza stampa in cui è stato analizzato l’uso della pillola RU486 in Emilia-Romagna e presentata l’iniziativa RU486. Libere di scegliere. Sono intervenuti Katia Zanotti per la Rete Laica, Corrado Melega, medico ginecologo e presidente della Commissione regionale nascite e Paola Zappaterra, dell’Associazione di donne Orlando. Ecco la rassegna stampa di Venerdì 11 Giugno 2010.

Web

Audio


Il nostro impegno per una cultura laica

J maggio 2010
1 commento

“L’impegno della Rete Laica Bologna va in due direzioni precise: da una parte difendiamo la laicità delle Istituzioni con l’attività politica e propositiva, dall’altra parte (e sono altrettanto importanti per noi) troviamo le attività culturali, tese a diffondere un sapere libero, scientificamente fondato e propedeutico all’autodeterminazione degli individui”, così Maurizio Cecconi, che continua: “Pomeriggio laicissimo è una delle molte occasioni che offriamo ai cittadini bolognesi di affrontare temi d’attualità. Questa volta il programma è particolarmente denso, con ben tre appuntamenti culturali: la presentazione di Paraventi sacri, biografie non autorizzate delle personalità di spicco della gerarchia della Chiesa Cattolica. A presentarlo, insieme all’autore Valerio Gigante, don Andrea Gallo e Maurizio Cecconi, portavoce della Rete Laica Bologna. A seguire un intermezzo divertito e divertente, con un aperitivo condito dalla satira di Zap & Ida, che riprodurranno dal vivo alcune vignette dalla loro ultima fatica, La messa all’Indice. Infine, a chiudere la giornata un evento peculiare, la presentazione della tesi di laurea di Giulietta Luul Balestra, dedicata al registro dei testamenti biologici in città. A parlarne con la neo dottoressa, saranno Giusi Marcante, giornalista di “Città del Capo – Radio Metropolitana” e de “Il Manifesto” e Serafino D’Onofrio, papà della proposta del registro delle DAT a Bologna e coordinatore della Cellula Luca Coscioni. Offriamo molto in una sola giornata, e ci auguriamo che i cittadini di Bologna vorranno attraversare tutti o alcuni degli eventi in programma”.


Bertone vergognati! Intervista a Città del Capo – Radio Metropolitana

J aprile 2010
1 commento

Una breve intervista di due minuti e mezzo a Maurizio Cecconi, portavoce della Rete Laica Bologna, rilasciata oggi a Città del Capo – Radio Metropolitana, per raccontare le ragioni della “processione laica” Bertone vergognati!.

Audio: Intervista


Bologna, prete pedofilo promosso a San Luca – Rassegna stampa 19.03.2010

J marzo 2010
1 commento

Dopo la rivelazione di ieri che il prete pedofilo don Andrea Agostini è stato promosso dalla Curia e trasferito a San Luca, santuario simbolo del cattolicesimo bolognese, pubblichiamo la rassegna stampa di Venerdì 19 Marzo 2010.

Quotidiani

Web

Interviste audio


Campagna “Testamento biologico. Liberi di scegliere” – Rassegna stampa 27.02.2010

J febbraio 2010
Lascia un commento

Dopo il congelamento del registro dei testamenti biologici ad opera del Commissario del Comune di Bologna e la sua successiva rettifica e dopo la richiesta della Rete Laica di tenere distinti il piano delle elezioni da quello del registro, ecco la rassegna stampa di Sabato 27 Febbraio 2010.

Quotidiani

Web


Bologna, pedofilia nella Chiesa cattolica e rifiuto dei matrimoni gay. L’editoriale di Paolo Soglia, direttore di Radio Città del Capo

J febbraio 2010
1 commento

PUNTI CARDINALI
Di Paolo Soglia
Città del Capo – Radio Metropolitana
Domenica 14 Febbraio 2010

Più la Chiesa si trova in difficoltà, sia dal punto di vista politico che dal punto di vista morale, più si fanno duri gli appelli “all’ortodossia”. Il messaggio di Caffarra di pre-scomunica ai politici cattolici che si dicano favorevoli al matrimonio gay è segno di questa debolezza, ma anche di situazioni contingenti e di una precisa strategia politica. Analizziamola. In primo luogo questo discorso di inusitata e inappellabile condanna si giustifica con l’esigenza da parte della Curia bolognese di spostare l’attenzione mediatica da un caso che imbarazza.
(altro…)


« Pagina precedentePagina successiva »

About author

La Rete Laica di Bologna è un tavolo informale d'incontro, di discussione, di proposta e di mobilitazione per difendere ed estendere la laicità delle istituzioni bolognesi e italiane. Vi partecipano associazioni e singoli/e.

Cerca

Navigazione

Categorie:

Links:

Archives:

I feed