Rete Laica Bologna

Attentato al Centro di Cultura Islamica – Rassegna stampa

J agosto 2010
Lascia un commento

Dopo la condanna espressa ieri dalla Comunità Ebraica e dalla Rete Laica Bologna, pubblichiamo la rassegna stampa odierna, Giovedì 5 Agosto 2010.

Quotidiani

Web


Registro dei testamenti biologici a Castenaso – Rassegna stampa

J luglio 2010
Lascia un commento

Dopo l’approvazione del registro dei testamenti biologici a Castenaso, la rassegna stampa di Sabato 24 Luglio 2010.

Quotidiani

Web


Chiesa ed elezioni regionali. Cattolici attenti, Dio vi vede!

J febbraio 2010
2 commenti

Comunicato stampa, 28 Febbraio 2010
(Scarica e diffondi)

CHIESA ED ELEZIONI REGIONALI. CECCONI:
“CATTOLICI ATTENTI: DIO VI VEDE E VI PUNISCE!”

Maurizio Cecconi, portavoce della Rete Laica Bologna,
in merito alle indicazioni di voto sui “valori non negoziabili”
pubblicate dai vescovi dell’Emilia-Romagna
.

“Con queste parole, nel 1945, i vescovi italiani davano le loro prime indicazioni di voto ai cittadini della neonata Repubblica Italiana: “I cattolici possono dare il voto soltanto a quei candidati o a quelle liste di cui si ha la certezza che rispetteranno e difenderanno l’osservanza della legge divina e i diritti e della religione e della Chiesa nella vita privata e pubblica”. Questa istruzione è considerata dagli storici come il primo passo ufficiale verso l’interventismo delle gerarchie ecclesiastiche nella vita politica italiana”.

“Papa Pio XII ritorna sullo stesso concetto nel 1946, esplicitandolo ulteriormente: “Con la vostra scheda voi avete in mano i superiori interessi della vostra patria: si tratta di tutelare e conservare al vostro popolo la sua civiltà cristiana”. Alla vigilia delle elezioni politiche del 1948 i toni si fanno ancor più duri e la scomunica verso gli elettori ribelli è dietro l’angolo. Queste le parole dell’arcivescovo di Genova Siri: “Commette peccato mortale chi vota per le liste o per i candidati che non danno sufficiente affidamento di rispettare sufficientemente i diritti di Dio, della Chiesa e degli uomini””.

Nel 1958 la CEI, la Conferenza Episcopale Italiana, compie un altro passo verso la dittatura clericale e la fine del libero arbitrio: “La piena sufficienza della dottrina cattolica per la soluzione dei problemi sociali, escludendo ogni invocata o riconosciuta necessità di integrazione da parte di dottrine marxiste o comunque estranee al pensiero cristiano”. Come dire: al di fuori di ciò che professiamo noi del Vaticano, nulla è vero”.

“Così come, solo un secolo fa, la Chiesa Cattolica invitava i credenti a non usare gli occhiali da vista perché “opera del demonio” – in quanto miglioravano i “doni” ricevuti da Dio – ancor oggi invita i fedeli a non usare la loro testa per scegliere liberamente chi e come votare. Il messaggio è sempre lo stesso: “Dio vi vede e vi punisce!”. Incuranti dei cambiamenti della società italiana, della secolarizzazione e della democrazia, i vescovi emilia-romagnoli, non potendo più controllare la vita sessuale dei fedeli e le diverse tipologie di famiglie da loro costituite, fanno loro il linguaggio bellico della Chiesa del secondo dopoguerra e parlano di “valori non negoziabili”, scagliandosi contro le conquiste civili dei nostri tempi: il diritto delle donne all’autodeterminazione del loro corpo, l’accesso al welfare per le coppie di fatto, la possibilità di scegliere come vivere e come morire rispettando l’idea di dignità di ogni individuo. Delle due, una: o entrano direttamente in politica e rinunciano alla montagna di privilegi concessi loro dal Concordato, o accettano il Concordato e si occupano esclusivamente della cura delle anime”.

Sconfitti dalla Storia e condannati all’irrilevanza politica in tutti i paesi del mondo fuorché in Italia – che per la Chiesa di Roma rappresenta oramai ciò che il ridotto della Valtellina rappresentò per Mussolini – ”, conclude Maurizio Cecconi, portavoce della Rete Laica Bologna: “Non resta che sconfiggerli nelle urne votando laicissimamente”.


Campagna “Testamento biologico. Liberi di scegliere” – Rassegna stampa 27.02.2010

J febbraio 2010
Lascia un commento

Dopo il congelamento del registro dei testamenti biologici ad opera del Commissario del Comune di Bologna e la sua successiva rettifica e dopo la richiesta della Rete Laica di tenere distinti il piano delle elezioni da quello del registro, ecco la rassegna stampa di Sabato 27 Febbraio 2010.

Quotidiani

Web


Caffarra dice no ai matrimoni gay – Rassegna stampa 14 Febbraio 2010

J febbraio 2010
Lascia un commento

Dopo l’esternazione del Cardinal Caffarra contro i matrimoni gay, pubblichiamo la rassegna stampa completa di Domenica 14 Febbraio 2010.

Web


Campagna “Testamento biologico. Liberi di scegliere” – Rassegna stampa 24.01.2010

J gennaio 2010
Lascia un commento

Dopo il convegno organizzato dal PDL contro il registro dei testamenti biologico, a cui era presente il sottosegretario Roccella, ecco la rassegna stampa di Domenica 24 Gennaio 2010.

Quotidiani

Web


Campagna “Testamento biologico. Liberi di scegliere” – Rassegna stampa 11.01.2010

J gennaio 2010
Lascia un commento

Quotidiani


Caffarra contro le coppie di fatto. Rassegna stampa 03.12.2009

J dicembre 2009
1 commento

Continua in città il dibattito dopo l’anatema curiale contro le coppie di fatto, definite da Caffarra una “patologia sociale”. Ecco la rassegna stampa di Giovedì 3 Dicembre 2009.

Quotidiani

Web


Caffarra contro le coppie di fatto. Rassegna stampa 02.12.2009

J dicembre 2009
2 commenti

Dopo l’anatema del Cardinale Caffarra scagliato contro la decisione della Regione Emilia-Romagna di estendere il welfare anche alle coppie di fatto conviventi e la risposta della Rete Laica Bologna, ecco la rassegna stampa di Mercoledì 02 Dicembre 2009.

Quotidiani

Web


Campagna “Testamento biologico. Liberi di scegliere” – Rassegna stampa 24.11.2009

J novembre 2009
Lascia un commento

Dopo l’approvazione di ieri in Consiglio Comunale dell’odg presentato dal Partito Democratico sul registro dei testamenti biologici, pubblichiamo la rassegna stampa di Martedì 24 Novembre 2009.

Quotidiani

Web


Pagina successiva »

About author

La Rete Laica di Bologna è un tavolo informale d'incontro, di discussione, di proposta e di mobilitazione per difendere ed estendere la laicità delle istituzioni bolognesi e italiane. Vi partecipano associazioni e singoli/e.

Cerca

Navigazione

Categorie:

Links:

Archives:

I feed