Rete Laica Bologna

Registri biotestamento. Appello ai comuni della provincia di Bologna

J febbraio 2011
1 commento

01 Febbraio 2011, Comunicato stampa

REGISTRI BIOTESTAMENTO:
APPELLO AI COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA
CECCONI: “LE FORZE POLITICHE SI MOBILITINO
E LO APPROVINO IN OGNI ENTE LOCALE”

Maurizio Cecconi, dopo l’approvazione del registro
dei biotestamenti da parte del Consiglio Comunale di Medicina,
lancia un appello alle forze forze politiche e agli amministratori
di tutti i comuni della provincia di Bologna.

Ringraziamo il Consiglio Comunale di Medicina per l’ottimo odg approvato ieri e presentato dal Partito Democratico. In particolare, facciamo i nostri complimenti ai Giovani Democratici per essersi attivati e per aver guadagnato questo risultato. Ora spetta alla Giunta del Comune di Medicina il compito di renderlo operativo nel più breve tempo possibile e siamo sicuri che si lavorerà da oggi in questa direzione”, così Maurizio Cecconi, portavoce della Rete Laica Bologna, che continua: “Questa felice occasione è per noi lo spunto per lanciare un sentito e pressante appello a tutte le forze politiche e a tutti gli amministratori dei comuni della provincia di Bologna”.

“A febbraio il ddl Calabrò, liberticida e incostituzionale, tornerà in discussione alla Camera dei Deputati. La risposta migliore a questa mossa indegna, che considera la dignità e la libertà di scelta dei cittadini una merce di scambio per garantire la stabilità del Governo Berlusconi, è quella di approvare e rendere operativi quanti più registri dei biotestamenti possibili“.

L’Emilia-Romagna detiene già il record a livello nazionale: chiediamo alle forze politiche e agli amministratori un ulteriore scatto di reni, per portare a casa risultati ancor più soddisfacenti. Da parte nostra, c’è la massima disponibilità ad aiutare e a sostenere quanti vorranno attivarsi”.

Cartina dei comuni della provincia di Bologna

Cartina dei comuni della provincia di Bologna


Medicina, il Consiglio Comunale approva l’odg per il registro dei biotestamenti

J febbraio 2011
1 commento

Nella giornata di lunedì 31 gennaio 2011, il Consiglio Comunale di Medicina (Bologna) ha approvato l’odg presentato dal Partito Democratico, volto a istituire il registro dei testamenti biologici.

In particolare si chiede che

  • le Camere ad approvare nel più breve tempo possibile una legge che affronti il tema del fine vita cercando di contemperare tutte le sensibilità garantendo il rispetto dei principi costituzionali;
  • il Governo ad aprire un tavolo di confronto con gli enti locali ed i loro organismi di rappresentanza (come ad esempio l’ANCI), per poter esaminare più a fondo il ruolo ed i poteri dei Comuni e dettare regole chiare e condivise in un ambito tanto delicato;
  • la Regione Emilia Romagna, nei limiti delle proprie competenze, a ricomprendere nel piano sociale sanitario regionale tutte le misure che possano riaffermare il rispetto dei principi costituzionali anche in tema di trattamenti sanitari anticipati;
  • la Giunta Comunale di Medicina ad adottare tutti gli strumenti che, in assenza della legge, permettano comunque ai cittadini di esprimere preventivamente le proprie volontà in merito ai trattamenti sanitari a cui possa essere sottoposti in caso di incoscienza, compresa la possibilità di raccogliere le dichiarazioni dei singoli in un apposito registro;
  • l’Ordine dei Notai di Bologna a garantire la gratuità della prestazioni dei propri assistiti per l’accoglimento delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento;
  • l’Ausl di Imola ad attivarsi affinché anche nel proprio piano strategico sia garantita una puntuale informazione alla cittadinanza sul valore che le dichiarazioni anticipate di trattamento sanitario possano avere nei confronti della persona che le ha redatte.

Ringraziamo il Consiglio Comunale tutto per l’ottimo lavoro e in particolare i Giovani Democratici che si sono attivati per ottenere questo risultato in tempi brevi.

Il nostro auspicio, ora, è che il registro, grazie all’intervento della Giunta, diventi operativo al più presto.


Imola, approvato registro biotestamenti. Ora renderlo operativo

J gennaio 2011
2 commenti

Nota stampa, 20 Gennaio 2011

IMOLA, REGISTRO BIOTESTAMENTI.
CECCONI: “OTTIMO RISULTATO,
ORA RENDERLO OPERATIVO
E INFORMARE CITTADINANZA”

Maurizio Cecconi, portavoce della Rete Laica Bologna,
in merito all’approvazione dell’odg sul registro dei
biotestamenti da parte del Consiglio Comunale di Imola.

“L’approvazione da parte del Consiglio Comunale di Imola dell’odg sul registro dei biotestamenti – presentato dal gruppo “La sinistra, l’arcobaleno” e sostenuto dalla Federazione della Sinistra e dai Verdi – è un ottimo risultato. Messe da parte le iniziali titubanze, ora è tempo di renderlo operativo e d’informare la cittadinanza su come usarlo. Imola, già terra natia di Andrea Costa e insignita della “Medaglia d’Oro al Valor Militare” per il ruolo svolto durante la Resistenza al nazifascismo, può oggi vantare un nuovo titolo: “Imola Città Laica”“.


Campagna “Testamento biologico. Liberi di scegliere” – Rassegna stampa 24.11.2009

J novembre 2009
Lascia un commento

Dopo l’approvazione di ieri in Consiglio Comunale dell’odg presentato dal Partito Democratico sul registro dei testamenti biologici, pubblichiamo la rassegna stampa di Martedì 24 Novembre 2009.

Quotidiani

Web


About author

La Rete Laica di Bologna è un tavolo informale d'incontro, di discussione, di proposta e di mobilitazione per difendere ed estendere la laicità delle istituzioni bolognesi e italiane. Vi partecipano associazioni e singoli/e.

Cerca

Navigazione

Categorie:

Links:

Archives:

I feed